Assegni familiari di base

AFB – Assegni familiari di base (o ordinari)

Detti assegni compensano parzialmente i costi sostenuti da tutti i genitori per il mantenimento dei figli. In Ticino essi includono gli assegni per i figli e gli assegni di formazione. Ne hanno diritto tutti i salariati non agricoli e dal 1° gennaio 2009, con l’entrata in vigore della nuova Legge federale sugli assegni familiari (LAFam 836.2.it), anche le persone senza un’attività lucrativa.
Secondo il diritto federale le persone senza un’attività lucrativa hanno diritto all’assegno soltanto se il reddito imponibile non supera i fr. 41’040.- all’anno e non percepiscono alcuna prestazione complementare all’AVS/AI. In Ticino essi devono rivolgersi direttamente alla cassa cantonale di compensazione AVS.

In Ticino non hanno invece diritto agli assegni familiari i lavoratori indipendenti.

Nel caso dei lavoratori dipendenti, sono i datori di lavoro a versare gli assegni familiari direttamente con lo stipendio. Essi devono affiliarsi pertanto a una cassa di compensazione AVS per assegni familiari attiva nel Cantone in cui l’impresa ha la sua sede. I salariati presentano la richiesta al datore di lavoro e, nel caso quest’ultimo non sia sottoposto all’obbligo contributivo, presentano richiesta alla cassa di compensazione per assegni familiari cui sono affiliati.

.

In Ticino l’assegno ordinario per i figli ammonta a fr. 200.- mensili (dalla nascita al mese in cui il figlio compie 16 anni) indipendentemente dalla percentuale di lavoro. Con la nuova legge, anche le persone che lavorano a tempo parziale hanno diritto all’assegno familiare intero a condizione che percepiscano un salario di almeno fr. 570.- mensili o fr. 6’840.- annuali. Gli assegni di formazione ammontano invece a fr. 250.- dal compimento del 16° anno di età del figlio fino alla conclusione della formazione, al massimo fino al 25° anno di età.

Ha diritto alla riscossione dell’assegno ordinario:

  • la persona che esercita un’attività lucrativa;
  • la persona che ha l’autorità parentale;
  • in caso di autorità parentale congiunta, la persona presso il quale il figlio vive prevalentemente

Gli assegni familiari devono essere trasferiti in aggiunta ai contributi di mantenimento alla persona che si occupa del figlio. Se non vengono utilizzati per provvedere ai bisogni del figlio, gli assegni familiari possono essere versati direttamente a quest’ultimo o alla persona che ne ha l’affidamento. Anche gli assegni familiari possono essere percepiti attraverso l’ufficio recupero e anticipo alimenti. La Svizzera è tenuta a versare gli assegni familiari a figli residenti all’estero soltanto se ciò è previsto da accordi internazionali.

Il diritto al versamento degli assegni familiari può essere fatto valere a posteriori, ma al massimo per i cinque anni precedenti la richiesta. Questo termine si applica a tutti i diritti nati dal 1° gennaio 2009. Per ulteriori informazioni rimandiamo al sito www.iasticino.ch o al Documento 6.08 pdf.

Condividi
call atfmr07